BONO
PARROCCHIA SAN MICHELE ARCH.
Costruita tra la fine del Cinquecento e i primi del Seicento, è una delle più belle chiese della diocesi. La maggior parte degli storici fanno risalire la facciata al 1300, è in trachite rosa e presenta uno splendido rosone, un portale con snelle colonne e una fila di archetti pensili. Alla fine del '500 la chiesa è stata ingrandita; il nuovo presbiterio ha la volta a quattro vele in trachite. Nel 1420 vi si tenne un Sinodo dell'antica diocesi di Castro. Conserva un'antica statua di San Michele del XV secolo, in legno, alta quasi due metri; un antico calice d'argento dorato del XIV secolo dono di “Don Gunari de Schano”. Il 20 luglio 1796 il prezioso calice fu rubato dai soldati di “Pintoreddu” che saccheggiarono Bono per dare una lezione alla patria di Giommaria Angioj. Il parroco dell'epoca don Agostino Tedde ottenne dal Vicerè la restituzione. Altre chiese. San Raimondo. Sorge nell'omonimo colle. Ai primi del settecento la chiesa era dedicata alla Vergine Assunta e verso il 1737 la chiesa venne ricostruita e dedicata a N. S. della Mercede. Fu poi donata ai Mercedari che vi istituirono una scuola di lettere e di latino.
In seguito la chiesa fu dedicata a San Raimondo Nonnato. Vi si celebra una grande festa con antichissime tradizioni. Sant'Antonio Abate del secolo XVIII. Viene ricordata per la prima volta in un documento del 1765. Il santo viene festeggiato il 17 gennaio e il 25 maggio. La sera del 16 gennaio dopo i primi vespri viene acceso un grande falò che diventa segno per l'accensione degli altri nei rioni del paese. Santa Caterina Vergine del secolo XVI.Il più antico documento che nomina la chiesa è del 1539. La santa è festeggiata il 30 maggio e il 25 novembre. Sant'Efisio del XVIII secolo. 

Il primo documento risale al 1765. È festeggiato il 15 gennaio, il primo maggio e la prima domenica di settembre. San Giovanni Battista del XVI secolo. Se ne parla in un documento del 1539. Festeggiato il 24 giugno. Le cinque chiese di Lorzia al campo: San Gavino, Sant'Ambrogio, Santa Restituta, San Nicola di Bari e Santa Barbara sorgono nel sito dove esisteva nel medioevo il villaggio di Lorthia. Solo quella di San Gavino risale al XII secolo, piccola, in mattoni, definita “chiesa bomboniera”. Patrono: San Michele arc.
Bono (SS)
 
Abitanti 3.565
Parrocchia S. Michele Arcangelo
VIA PARROCCHIA
CAP 07011 – Tel. 079 791069

Parroco: don Mario Curzu (dal 2005)
 
Vicario parrocchiale:
don Rafal Mosior (dal 2016)