top of page

Commento al Vangelo - 3 Settembre 2023


Mt 16,21-27


In quel tempo, Gesù cominciò a spiegare ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei capi dei sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risorgere il terzo giorno.

Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo dicendo: «Dio non voglia, Signore; questo non ti accadrà mai». Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: «Va’ dietro a me, Satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!».

Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà.

Infatti quale vantaggio avrà un uomo se guadagnerà il mondo intero, ma perderà la propria vita? O che cosa un uomo potrà dare in cambio della propria vita?

Perché il Figlio dell’uomo sta per venire nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e allora renderà a ciascuno secondo le sue azioni».





«Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso». Ma, è proprio necessario dover fare discernimento sulla croce che stiamo portando? In una meditazione sul quarto mistero doloroso “Gesù carico della croce”, dice si legge questo: “Signore, donaci la grazia di saper discernere tutti i giorni quale croce prendiamo, perché se quotidianamente ci sentissimo affaticati e oppressi, vuol dire che abbiamo sbagliato qualcosa. (Probabilmente) non abbiamo ancora rinnegato noi stessi (cfr. Mt 16,24b); oppure abbiamo “sbagliato” croce, prendendo l’affaticante e opprimente croce del mondo! (cfr. F.F. 185). (Fra Volantino, «Signore, perché hai permesso che ti caricassero della croce?», in SLC, pp. 335-336). Ed anche san José Maria Escrivá ricorda che: “È necessario che ti decida a prendere la croce sulle spalle. Altrimenti dirai a parole di imitare Cristo, ma sarai smentito dai fatti […]. E devi respingere l’idea che tutto ciò rende infelice. Meschina felicità sarà la tua se non impari a vincere te stesso invece di prendere con coraggio la tua croce”. (San Josè Maria Escrivá, Amici di Dio, n. 129).




Suor Stella Maria, psgm

Comentarios


Post in evidenza
Post recenti
bottom of page